Le Meteore, sospese in aria

I sei monasteri abitati e visitabili – dei ventisei costruiti nell’arco dei secoli – sono lassù sospesi tra cielo e terra, più vicino al cielo che alla terra! Un luogo magico, affascinante in tutte le stagioni: con il sole, la nebbia, la neve. Non per niente è patrimonio dell’umanità. Negli ultimi decenni i sei monasteri rimasti sono stati fedelmente restaurati e si presentano a turisti e pellegrini, nella sua forma migliore!

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Meteora significa “sospeso in aria” e mai definizione fu più appropriata! Arrivando daTrikala ci si trova davanti questa barriera di torrioni di conglomerati e arenarie che incombe, scura, su Kalambaka e Kastraki. Ma queste rocce, che lasciano in basso il verde dei boschi, non incutono timore, le pareti con pendenze da capogiro, nude ed erose, si presentano spesso morbide, levigate e con le cime arrotondate. A ogni curva della strada che serpeggia tra le rocce, le forme cambiano e lo scenario che si presenta è sempre diverso e non si può fare a meno di sostare per ammirare quello che la natura ha voluto regalarci. Eppure l’uomo, in un certo senso, è riuscito a dominare questa impervia, straordinaria e bellissima regione. Sulla cima di queste torri ha costruito, non so al prezzo di quali sacrifici, le sue dimore o meglio i suoi luoghi di culto, di preghiera, d’isolamento, di ascesi e naturalmente anche di sicurezza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La zona era già abitata da anacoreti dall’XI sec e in seguito monaci provenienti dal monte Athos, spinti dalle incursioni dei popoli dell’est, fondarono il primo monastero (Megalo Meteoro o della Trasfigurazione). In seguito, vista l’inaccessibilità dei luoghi, sorsero gli altri monasteri alcuni dei quali furono abbelliti con gli affreschi del pittore del monte Athos, Theofanis. Gli isolatissimi conventi divennero un importante centro di cultura e permisero la conservazione d’importanti documenti (per esempio 1124 codici religiosi) in particolare durante la dominazione turca, anche se alcuni di essi furono distrutti.” Info su come raggiungere le Meteore QUI.

 

Annunci